15.7.06

Chiedimi se sono felice

Chiedetemi cosa ho fatto oggi? Dai, forza, su, chiedetemelo...
...
...
vabbe', ve lo dico lo stesso: ho montato e smontato mobili per l'intera giornata.
Sono appena tornato a casa in uno stato di semicoma, con tutte le articolazioni che avevo rotto in quest'ultima stagione MT che si fanno vive nuovamente dopo mesi di calma sottocutanea..
Continuo a sudare e sono in stanza in mutande con l'aria condizionata, e tutti dicono che questa è la stagione fresca.. Ho costantemente mani e piedi sporchi di fango o melma assortita (come le caramelle! magari le fanno con la melma cambogiana), oggi ho messo per la prima volta delle ciabatte del Dottor Martens (da non confondere con gli anfibi mito degli anni '90, che peraltro non ho mai, orgogliosamente, indossato; al contrario di persone tipo Valeria che ancora le rimpiangono) e sono già da buttare.

Insomma, questa giornata è stata difficile, bisogna fare molti sforzi la mattina presto (sveglia alle 6.30 con una preventivata buona mezzoretta di coma pre-risveglio) per non perdere la pazienza.. Si riceve il benvenuto dalla vita cambogiana non appena si mette in moto la Honda, ossia che non parte. L'ho portata una settimana fa ad aggiustare ed oggi è di nuovo tutto rotto.
Mi colano gli occhiali dal naso insieme al fiume di sudore che crea un delta sulla punta del naso con tutti i suoi affluenti, provenienti da ogni regione della mia faccia. La mia faccia confina coi capelli, col collo e con le orecchie. La densità media è di 5,2 peli per mm2. La mia faccia è uno stato anarchico in cui il socialismo trova finalmente la sua utopica realizzazione. Al centro si trova lo stato indipendente delle Labbra, dove gli abitanti della faccia vanno a fare compere, sigarette, benzina, medicine e cioccolata soprattutto.
Il principato (effimero) delle Labbra è dominato da ogni tipo di bene materiale, tutto è superficiale, il superfluo è indispensabile e vige la legge del più forte. Il culto del fisico e dell'aspetto esteriore sono indispensabili perché tutto viene giudicato in base ad un metro che già di per sé è lungo 1 metro e 50. E qui le dimensioni contano. La corruzione, prima mentale che fisica, fa muovere tutto, rappresenta inoltre l'unica via per accedere al principato: chi entra difficilmente ne esce, a meno che non abbia la VIP Golden Card.

Ieri si è laureato il dolce Andrea, per gli amici (?) Roscio, per la confraternita invece Alpha GMdC. Un colpo al cuore non averlo potuto ascoltare, avevo architettato tutto per seguirlo minuto per minuto ed invece i miei informatori hanno miseramente fallito un compito davvero facile.. 110 il caro Alpha, la Confraternita fa filotto ed entra di diritto nella Hall of Fame, in mezzo tra Belushi e i Nerd: in fondo siamo stati entrambe le cose, giusto Confratello?

Ora vado a farmi un massaggio (senza servizi aggiuntivi....maligni!), poi Warehouse per la quarta settimana consecutiva a bere birra gratis dalle 8 alle 9. Questa settimana mi è davvero volata, ormai il mio metro di un metro e cinquanta è quello del Warehouse. Tra poco svanirà anche quello ed arriverà quello delle stagioni.

Stasera festa nazionale francese, magari ci sarà qualche altro buon motivo per sfotterli...

Gnam,

*L*

2 comments:

red_inside said...

In alto i calici Confratelli!
Le stelle dei Grandi Maestri risplendono ormai alte sopra la gente che ne capisce..
Stavo pensando che su quel famoso pezzo di carta siamo finalmente arrivati all'ultima righa, sono lontani gli X mesi..

NUNC EST BIBENDUM

Alpha
Già GMdC

blblbl

Valerio Schiavoni said...

come direbbero i francesi...e ora lo direbbero..
Bravò Andrea!

la mappa della tua faccia mi mancava :-)