13.9.06

Tanti auguri a me


Sì, a me.
Ognuno si chiude in se stesso il giorno del compleanno, ci si sente tutti un po' speciali. Si pensa alla vita finora trascorsa e a quella che verrà, si trovano piccoli momenti di intimità tra sé e sé, tutte le mille realtà che ogni giorno convivono dentro di noi oggi si siedono a tavola insieme e dialogano, commentano, scherzano e si ubriacano in fraschetta. Distensione. Per oggi. Domani sarà speciale per un altro, 24 ore all'anno sono poche e finiscono subito, specialmente qui dove il giorno ne dura solo 16.

Stasera pasta al pesto con sopra le candeline, mamma ci mette il pesto ed io la voglia di cucinare in mezzo alla sugna della guesthouse.

Le parole escono difficili, si fanno tirare, tocca pensarci. Come se dovessi giustificare un qualcosa proprio perché è il mio compleanno. Pensavo che tutti vi aspettaste qualcosa di scritto a riguardo ed eccomi qui a scrivere. Quando non mi sento libero vado a singhiozzo, in tutte le cose, ho messo la libertà sempre davanti a tutto e tutti e non lo rimpiango.
L'unica voglia che ho al momento è quella di arrivare a dicembre, tornare a casa per quei 13 giorni e riprendere fiato, fare nuovamente il punto della situazione dopo 6 mesi di apnea forzata, tra mille vicissitudini passate e tante nuove vite che premono per essere scoperte.
Sto bene qui, mi piace quello che faccio ed anche come me la cavo, principalmente con me stesso, la solitudine la combatto bene anche se sto facendo in modo che Marta rimanga un po' di più.. Lei capisce quello che provo perché sta tastando con mano la difficoltà quotidiana del vivere qui, tutto si tiene su grazie ad un sottile equilibrio che va mantenuto con fermezza. Altrimenti si cade giù, ne ho visti già parecchi precipitare..
Tra qualche giorno me ne vado in Laos, non vedo l'ora, sono riuscito a ritagliarmi una settimana off e la spenderò in un paese ancora più arretrato della Cambogia.

La pazza corsa all'indietro continua! Prossima tappa: Myanmar, e forse tocchiamo il fondo.

Tanti auguri Luca.
Grazie.
Prego.
Ti voglio bene.
Pure io.
No io di più.
No io.
No io.
No io.

E invece forse mi voglio più bene io.

*L*

7 comments:

Anonymous said...

Nasciamo senza parlare e moriamo senza aver saputo dire..tante volte la vita ci passa accanto e noi non ce ne accorgiamo nemmeno..Buon compleanno!!

Raffaella

isa said...

specchio riflesso per tutte le cose che scrivi!

cochi and renato said...

tanti auguiri dai i "plaiboiss".

cochi and renato.

renato!

Valerio Schiavoni said...

cancaminin
cancaminin
spazzacamin

allegro e felice..pensieri non ha :)

Anonymous said...

Tanti auguri e buon viaggio

Paolo

Giulia said...

...da assidua lettrice di questo blog insaspettato...
bibidi bobidi bu...
buon compleanno per quel che vuoi tu!
ciao
Giulia

Cıuffo medıorentale said...

Seı una delle poche persone a cuı ıl calendarıo non serve a mısurare glı annı passatı, ma solo a "valutare" come sfruttare quellı che rımangono.
Contınua a fare quello che faı se é quello che vuoı.
Ed ognı tanto pıscıatı addosso, o delega ad altrı.
Augurı