31.3.07

Senti questa


Allora insomma praticamente ce sta uno, un pischello, romano de roma, figlio della lupa, tutt'apposto, è regolare, che a un certo punto se frulla il cervello e decide de lassa' mamma', l'aesse roma e il capitano, la pizza bianca calla e li supplì, le piazzette e li mille nasoni de Roma pe' andasse a fa' tipo missonario in Asia. Ah! Sì! Ah! L'hai capita? A-HA!
Insomma sta Madre Teresa de li poveri se ne va a finì in Camboggia. 'Ndo sta? Praticamente c'hai presente a Bolivia? Ecco, nun c'entra gnente. A-HA!
E invece l'hai sentito mai il Vietnamme? Ratatatatatata? Ecco, un po' più a sinistra. Tanto sempre cinesi so. Che secondo me ce mettono li vermi veri dentro a quei piatti che se magnano loro. Zozzi. Che io a piazza Vittorio me sento 'no stragnero. Anvedi. E poi, tanto pe' la cronaca, Rutelli nun è il mio sindaco.

Ao', me segui? Aspetta che a la fine è 'na storia caruccia.

Inzomma sta Madre Teresa tradisce li fratelli de sempre (però nun'è n'infame fracico) e se ne va a lavorà in mezzo a li campi de riso, addirittura all'inizzio lavora pure aggratis pe st'associazione de mezzi preti, cioè che il direttore era prete e poi appena ha annusato.... beh, inzomma, m'hai capito no? Appena ha annusato a'.....A-HA!.....a cecia s'è bevuto er cervello e s'è spretato de botto. "A la facciaccia tua, papa Mazzinger", j'ha detto 'na vorta de dommenica a san pietro. A frate', hai capito sìcche robba? Matto fracico questo.

Inzomma dice, dico, dice.... che te stavo a di'? Ah, beh, 'sto ex prete mette su st'organizzazzione però co li preti ancora ce va a braccetto, che a la fine pure quelli ancora co la tonaca nun se mettono le mutande sotto. T'oo giuro! M'aa detto uno che pe'n periodo ha fatto er chirichello. Ao', nun so a te frate', ma quann'annavo in chiesa da regazzino tutto pettinato a me quell'incenzo m'ha sempre fatto. Secondo me quelli se lo fanno coretto. A-HA!

Allora inzomma questo prete-nun prete se fa d'incenzo e lavora co li preti, praticamente se fa da' li sòrdi da loro. Dice che scemo nun è, che co' tutto quello che mi nonna ja lassato a domennica 'n parocchia ce costruivano n'artra san pietero d'oro colato. Io invece quello mio de la commugnnone me lo so squajato pe' giocammelo ar picchetto. A-HA! Daje Roma!

Me sta a segui', more'? A 'n certo punto 'sta Madre Teresa de Testaccio scrive 'n proggetto pe'r capo suo prete ma quello je dice che pe' becca' er moneta tocca che er vescovo de la Camboggia je fa 'na raccomannazzione scritta. 'Sto cazzo de Vaticano! Ma tu ce sei mai stato dentro? Io 'na vorta ce so'nnato pe' comprà 'e supposte pe' Rochi, er cane mio, e mica me volevano fa passa' sti svizzeri zozzi fracichi. Tanto a cioccolata noi a Roma se la fumamo. A-HA!

Allora sto capo prete manna a 'sto pischello pe' imeil una lettera vecchia de sto vescovo e je dice che visto che se va un po' de prescia si lo pò farzificà. "Anvedi", je fa sto ragazzo (che poi a la fine è 'n bravo romano, preciso), "ma nun eri prete te?". Dice, je fa' "E che fai er frocio cor culo dell'artri?" A-HA! Dice "Ma nun famo prima a fajela firma' senza fa farzi? Metti che a li preti de Roma je sarta er grillo de chiamallo?".
Allora a la fine 'sto lupetto chiama er Vescovo. Questo è spagnolo e se chiama Enriche (o come se scrive, che poi 'sta lingua spagnola dice che è tanto uguale ar romano ma mica ce lo so poi) Figaredo. Tanto manco in Spagna li preti se mettono le mutande, solo che se dirà mutandas là.
Allora sto pischello ce inizia a parlà in spagnolo che lui se n'è annato a vive pure a Barcellona, st'infame.
Ma ce sei stato a Barcellona te? 'Na vorta ho messo 'a Smart sur traghetto e so annato a fa un po' de sgommate in terra nemica. 'Na sera co' Pamela, Vanessa, Puccio, Ivano e er Palletta semo annati a balla' a 'sta discoteca sur mare, che infatti se chiama MareMagnum. Me sa che ce sta de mezzo l'Algida, daje che avemo invaso pure la Spagna co la curtura nostra!
Insomma 'sta discoteca co' tutte pischelle, stragnere improfumate in minigonna, me sembrava de sta a l'Esquire a Roma. Mamma mia nun c'ho visto piu'.. Vanessa me stava addosso ma io me rimorchio una, in fondo prima de partì m'ero fatto 3 lampade da Franco e ero bello come er capitano. Questa era mezza ammericana, ma che ne so che lingua parlava (tanto nun bisogna parla', no? A-HA).
Stavo lillì pe' partije quanno ariva uno e me dà 'na spallata. Me giro e je chiedo si c'aveva probblemi co' me, che io ce mettevo poco a faje passa' a voja de ride. "Aspetta n'atimo, se tratta de poco" je faccio a la biondina, poi me giro verzo de quello e je vado sotto. Quello se caca sotto, nun è romano manco n' po', poi arivano e guardie e me buttano fori e me vojono menà, io so pronto, boia chi molla, ma a la fine ariva er Palletta che ce divide e se mette a parla'. "Ma che te parli, a Palle', stai sempre a chiacchiera'. A te te dovrebbero chiama' Pallette." A-HA.
Vabbè, in finale porto a casa un nulla de fatto ma grandi ricordi. A la fine bbellabbarcelllona.

Ao', te la sto a fa' troppo lunga, frate'? Daje che manca poco, tanto dovemo aspetta Enzo pe' anna' a prende li pezzi pe'r bolide, che lui conosce uno che cell'ha novi. Rubbati 100%! A-HA!

Allora 'sto vescovo riceve 'na bella leccata dar pischello, che je dice che è stato nella città sua anche se nun è vero, che j'era piaciuta la cattedrale (ma che ne sa qual'è, tanto ce ne sta una dovunque) e le viette strette e sporche della parte vecchia (a cazzaro!).
Je chiede se je po' manna' la lettera già scritta che lui doveva solo firma', lui accetta perché ormai er Madre Teresa der Quadraro se l'era infinocchiato alla grande.

Allora la mail der vescovo era l'abbreviazzione de nome e cognome, kike e figa chiocciola quarcosa. Ma che ne so, ma chi ce capisce de internet, vuvuvu, cicciccì e peppeppè. Io 'na vorta ce so annato e me so beccato 'n virus. Daje Viruz, il suono di Roma! È un grande sogno ipnotico, poroppoppò! C'era una volta un re, poroppoppò. Ma c'hai mai provato a giocà alla pleistescion sotto botta? A da vede Totti come lo faccio vola'!
Vabbè, pe' falla corta, pe' falla breve, me so dovuto anna' a chiama' Emmannuele, er regazzino der piano de sopra, pe' levallo sto viruz.

Inzomma dice che questo c'aveva l'imail kikefiga ma che poi l'aveva cambiata, che ora era solo kike, che figa l'aveva rimossa.
Allora ce lo sai er pischello amico nostro come je risponne?
"A vescovo, tanto già ce lo sapevo che avevi rimosso a figa!" A-HA! A' capito? Mortacci sua che matto fracico! 'A figa l'hai già rimossa' ar vescovo.. Matto! Romano!

Daje!

A frate', 'namose a fa 'n pezzo de pizza da Mario che 'a fa bona, va'. Tanto Enzo chissà quanno ariva.

*L*

6 comments:

Anonymous said...

..oddio, sto morendo di crepacuore dalle risate...
simpatico, il prete-spretato, proprio un grosso.


Daje, Madre Teresa de Testaccio, fatte vale'!!!

E.

Anonymous said...

Senti questa...
"Aò, me so annato a vedè 300, praticamente 'a storia de' questi che so'n botto ma stanno co le pezze ar culo perché quelli in trecento j'oo fanno. Nun poi capì: nun ce n'era uno senza muscoli!"
Sono appena rientrata dal balcone dove, guardando il tuo giardino, ho sentito Pietro che declamava questa recensione, te la dovevo di' e poi...FA RIMA E C'E'!
V

Sufi said...

Ma quanto è meraviglioso sto dialetto! Quando qui a Milano mi chiedono se sono di Roma mi viene solo da rispondere "MA MAGARI!".

Bella storia Lu'e non è poco iniziare il lunedì mattina con una sana risata.

Mercì.
P.

Piero said...

DAJE LUPI!

Manchester United have moved to avert potential trouble by warning supporters of the “real danger” of being attacked before their Champions League quarter-final, first leg against AS Roma in the Italian capital tomorrow evening.
After the incidents of crowd violence in Italy in February, when a policeman was killed, not to mention the history of mayhem between English clubs and Roma in Europe, United have taken the extraordinary step of issuing detailed letters to travelling fans, warning them about the threat of hooliganism, crime and the “primitive conditions” of facilities in the Olympic Stadium.
United are taking about 4,500 supporters to Rome and a further 1,500 are expected to travel without tickets for a match that could generate a hostile atmosphere in a city famed for its culture and elegance.
Fans have been urged to take the public transport shuttles to the ground and not to use the metro trains to the Piazzo Faminio, or the Pontenenni bridge, because these are the most common routes taken by Roma’s notorious “Ultras”. The Campo de Fiori has also been singled out as a no-go area by United. Fourteen Liverpool fans were stabbed by Roma fans before and during a Uefa Cup tie in 2001.
The letter read: “Fans of other English clubs who have made their way independently to the stadium have reported on a number of occasions problems with getting back to the city centre after the game and there is a real danger of being attacked by the ‘Ultra’ fans of AS Roma. We realise that fans travelling independently may not wish to give up that independence, but we ask you to consider your own safety and welfare as being of paramount importance.”
Greater Manchester Police are sending three officers to Rome, although there is a fear that the death of Raciti has resulted in a hardening of the Italian police’s zero-tolerance approach.
Last night, Roma fans inundated websites with ominous messages about planned acts of violence, although Rosella Sensi, the Italian club’s managing director, said she did not expect any trouble. “I don’t perceive any tension,” she said.

http://www.timesonline.co.uk/tol/sport/football/european_football/article1605140.ece

Paolo said...

"Ancerto punto me sento come 'n tronco gelatinoso che me s'attorciglia alle caviglie e là na scarica de mozzichi a mitraja tatatatata ahhh ...nciò visto più..."

Fiero d'esse nato a S.Paolo (du Brasiu)

Piero said...

....
ancora ce stai a sbomballà co stà Rodesia